Il gioco degli scacchi
 

Caso Bogdanovich e ipotesi di antigioco

ilMusso 31 Ago 2017 11:38
[Nell'aprire un topic specifico sul caso Bogdanovich trasporto qui di seguito,
innanzi tutto, due miei post tratti dal recente topic "Un fenomeno o-Shkuro"
(http://tinyurl.com/ydzdks2h).

30-8-2017 00:58

Nell’ultimo video, pubblicato lunedi’ 28, Shkuro ha affrontato il problema
di
un GM ucraino accusato di cheating in un recente torneo disputato in Iran (*).

(* credo che potrebbe riferirsi al GM Stanislav Bogdanovich e che il torneo in
questione potrebbe essere la Avicenna Cup, vinta da questi
(http://ratings.fide.com/tournament_details.phtml?event=162902;
http://chess-results.com/tnr296194.aspx?lan=16&art=1&rd=9&turdet=YES&flag=30&wi=984)

--

30-8-2017 15:42

Si’, si tratta del GM ucraino Stanislav Bogdanovich (tabellino FIDE:
http://ratings.fide.com *******
phtml?event=14115298)(http://tinyurl.com/ydcoalxv)
e il torneo e’ la Avicenna Cup (http://tinyurl.com/yb4cm8bb, da
Chess-Results),
disputata a Hamadan (Iran) dal 21 al 28 agosto uu.ss e dal medesimo vinta.

Bogdanovich - che partiva come quarto del ranking dopo il notissimo lettone
Alexei Shirov, il croato Marin Bosiocic e il russo Boris Savchenko - ha vinto
(con un turno di anticipo) con un punteggio di 8 punti su 9 partite e un punto
e mezzo di distacco sulla seconda posizione. Il ventiquattrenne Stanislav - elo
torneo 2.570 - ha messo in fila sette vittorie nei primi sette turni per poi
concludere con due patte nei due turni conclusivi. +23,4 e 2.816 la sua
variazione elo e la sua performance (da Ches-Results).

In questa http://archive.is/ncksU immagine di gruppo, tratta dal sito iraniano
hamedanchess.ir, possiamo vedere i vari premiati dell’evento (nonche' uno
Shirov, classificatosi sesto a due punti di distacco, non molto contento).

Il giorno stesso della conclusione del torneo, e' partito su Facebook una sorta
di botta e risposta tra Bogdanovich e il GM georgiano Tornike Sanikidze.
Quest’ultimo ha partecipato a sua volta alla Avicenna Cup (8° per ranking e
19°
nella classifica finale) incontrando Bogdanovich al settimo turno.

Sanikidze ha iniziato la querelle mediante un post privato sul proprio profilo
FB (ma la notizia e’ stata comunque subito riportata dai media russi e
ucraini)
mettendo in luce, a quanto pare, alcuni secondo lui strani comportamenti
dell’avversario durante la partita e manifestando perplessita’ circa gli
stessi.

Stanislav non ha perso tempo, si e’ posto sardonicamente tra i follower di
Sanikidze (a meno che non lo fosse gia’ da prima) ed ha replicato attraverso
questo http://archive.is/g7X64 post pubblico mettendo una grandissima Yoba-face
sorridente. Sono ben 58 allo stato attuale i like ricevuti dal post di Stas
(compreso quello della madre, sua prima fan)
(http://www.facebook.com/stanislav.bogdanovich.3/posts/978444508962728).

Il giocatore, tra l’altro, era gia’ balzato agli onori della cronaca un paio
di
anni fa poiche’ aveva superato nel blitz i 2.800 punti elo, con rating (2.815
e
2.804) che lo avevano collocato per qualche mese tra i top player.

Bogdanovic ha all’attivo diverse vittorie in torneo, specialmente in tornei
rapid e blitz, e tra queste spicca quella al Campionato ucraino rapid del 2013.

Parlando in generale, dispiace vedere che in questi ultimi anni diversi
giocatori ucraini sono finiti, in un modo o in un altro (e meritatamente o
immeritatamente), nell’occhio del ciclone.

Penso alla Zhukova (accusatrice della Sandu e per questa punita dalla Ethics
Commission della Fide), a Shkuro e a Bogdanovich ma faccio anche riferimento a
quello strano episo***** che avvenne ai Campionati assoluti maschile e femminile
ucraini del 2014 - che si svolsero in contemporanea a Leopoli - quando Anna
Ushenina (campionessa del mondo in carica) si ritiro’ subito dopo il primo
turno dicendo - pare - di non essere per nulla contenta delle norme
anticheating adottate in quell’evento (per la precisione, la Ushenina venne
formalmente espulsa dai direttori di gara in quanto spari’ letteralmente senza
dare tempestiva comunicazione agli arbitri). Se non ricordo male, la
Federazione scacchistica ucraina apri' all'epoca un fascicolo sul caso.

Concludo questo post facendo presente che su Chess.News-ru c’e’ un articolo
in ******* russa (http://chess-news.ru/node/23641) sul recente fatto di
Bogdanovich. Se ho tradotto bene, vi e’ riportata anche una dichiarazione di
Sanikidze, interpellato in merito dal sito. In tale passaggio viene anche
tirata in ballo dal giocatore la nota e discussa questione dell’antigioco del
caso Sandu ma non sono riuscito a capire in quali termini l concetti siano
stati espressi.


---


[Da qui il post di oggi]


Il principale “accusatore” di Iuri Shkuro sui social per quel che ho avuto
modo
di vedere e’ il GM Mikhail Golubev (questa http://archive.is/eVKEe la pagina
su
di lui nell’edizione in ******* inglese di Wikipedia), il quale ribadisce da
tempo le proprie perplessita’ sull’altissimo rating blitz ottenuto da Skhuro
(i due sono entrambi ucraini e svolgono le proprie attivita’ rispettivamente
a Odessa e Kherson, capitali delle omonime regioni ubicate sul Mar Nero).

Golubev in questi giorni di e’ occupato del caso Bogdanovich. All’interno
del
suo lungo articolo in russo http://archive.is/8tqio, pubblicato il 28 agosto
u.s. sul sito ucraino kyivchess.com, egli ha *****izzato cinque delle nove
partite giocate da Bogdanovich nella Avicenna Cup (si tratta delle partite
giocate e vinte una dietro l’altra contro cinque GM tra il terzo e il settimo
turno). Golubev liquida la questione asserendo che quella del georgiano
Sanikidze (vedasi il secondo dei due post riportati in alto) e’ stata una
dichiarazione fatta “ovviamente solo sulle emozioni” e che quello espresso
dal
connazionale Bogdanovich nella Avicenna Cup e’ “un forte gioco complessivo
con
elementi di fortuna”.

In questo caso sara’ pure come dice Golubev, per carita', ma il punto a mio
avviso e’ che se piu' persone sono in qualche modo riuscite ad allestire e
mettere in atto un collaudato sistema di “antigioco” (sistema di gioco per
fare
fessi gli *****izzatori a posteriori) sono davvero sufficienti Golubev, Reagan e
l’ACC, eccetera (detto con rispetto) per stabilire che si e’ svolto tutto in
maniera regolare?
ilMusso 31 Ago 2017 19:00
Il 31 agosto 2017 alle ore 11:38 ilMusso ha scritto:

> [...] sarà pure come dice Golubev, per carità, ma il punto a mio
> avviso è che se più persone SONO in qualche modo riuscite ad allestire e
> mettere in atto un collaudato sistema di “antigioco” [...]


Meglio "fossero" al posto di "sono". Va usata la forma ipotetica. Nessuno,
per quanto mi risulta, puo' dare per certo e provato che quanto sopra sia
stato ad oggi attuato.
ilMusso 6 Set 2017 22:35
Dato che il suo post su Facebook e' privato e che l'articolo di Chess-News
che menziona tale post e' in ******* russa, questo pomeriggio ho chiesto a
Tornike Sanikidze di spiegare agli scacchisti italiani i dettagli di quanto
capitatogli nel corso della partita con Stanislav Bogdanovich nella recente
Avicenna Cup in Iran [riferimenti nel post introduttivo di questo topic].


September 6, 2017

Hello Tornike.

In a recent article in ******* I read that on your Facebook profile you
wrote a post about a suspicious behavior of Stanislav Bogdanovich in the
game between you two played in the “Avicenna Cup” held in Iran last August
from 21 to 28, but since the statement is accessible only to ******* on FB
I have prepared a few questions to ask you directly to better understand
the terms of your complaint and then put the short interview available to
Italian readers.

[Q] What exactly did you complain about?

[A] Hello! Of course I can write everything what I saw there. First reason
of course was that he was going in the toilet in every move… When he was
sitting he was thinking too much but when he back to play from the toilet
he was playing fast. I decided to move quickly and follow him at toilet… I
was shocked when I saw him not in the toilet! he just passed the toilet and
was in the dark place of the corrridor. He was scared to see me and came
back quickly. There is no explanation of this… Second reason was the opening
he never played. Normally he plays the Slav Defence or the Queen’s Gambit,
which are solid! He had 6 out of 6, 1½ point more than we all… so with black
a draw could be enough for him… but he chose to risk. Why? If you have
guarantees with computer it’s easier to risk :-)

Afterwards the arbiters said that before my game someone also asked them to
check him but they didn’t found anything.

Oh, I forgot to say that he was always with bag! He was going in the way of
"toilet" with some bag. Okay, the arbiters said that they didn’t find
anything but anyway it was strange.

[Q] Was it just an "emotional outburst" of that day - as advocated by
Mikhail Golubev in his article - or you are still convinced of what you
wrote in your post on Facebook?

[A] I don’t know about Mikhail Golubev at all :-) Perhaps he tries to
defende him and he does everything… Maybe he is his ******* or his coach,
I don’t know, but his words is absolutely bullshit :-) Write from another
country without knowing the facts it’s completely without sense. GM who
were there they were speaking about him as a cheater!

[Q] Given that now you have been somehow personally touched (and maybe
this isn’t your first time) by the problem of cheating in chess and by the
problem of the suspicions that may arise towards an opponent, did you get
an idea on what could be done to begin to solve the delicate question of
the so-called intelligent cheating?

[A] Against cheating? I don’t know exactly. It should be something before
we entry in the hall, like in the European and World Championships. Some
detector or some signal should be turned. Also, to start the live broadcast
15 or 30 minutes later, because otherwise nowadays is so easy to make
cheating things. I don’t know how to fight… In the open tournaments it is
very easy to win with computer assistance!


Okay, grazie Tornike.
ilMusso 7 Set 2017 22:03
Avevo per tempo contattato anche Stanislav Bogdanovich.

Stanislav mi ha risposto oggi dicendo che potevo porgli qualsiasi domanda ma
gli ho spiegato che non avevo domande particolari e che avrei gradito,
semplicemente, un suo racconto dei fatti da mettere a disposizione dei
lettori italiani (il mio intento non era quello di fare l’inquisitore bensi’
- cosi’ come nel caso di Sanikidze - quello di avere un articolo in italiano
e inglese anziche’ in russo).

Ribadendo d'essere disponibile a rispondere a qualsiasi domanda, Stanislav
ha aggiunto di non sentirsi di dare “la propria versione dei fatti” in
quanto non ha niente di cui doversi scusare e in quanto a questo punto i
commenti di replica da parte del “fortemente sospettato” non avrebbero, a
suo dire, alcun senso.

“Ciascuno faccia le proprie considerazioni per decidere a che cosa credere e
a che cosa no”, ha infine detto.

Direi che l’atteggiamento del ragazzo sia piu’ che comprensibile e piu’
che
giustificato. Io avevo le mie esigenze (semplici, ma mie) ma lui ha le sue
(giustamente). E considerata la sua delicata posizione, le sue ragioni vanno
a mio parere senz'altro comprese e soprattutto rispettate.

Ho ringraziato Stanislav e ci siamo lasciati in buoni rapporti.

Mi ha detto che posso riportare su IHS il succo della nostra conversazione.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Il gioco degli scacchi | Tutti i gruppi | it.hobby.scacchi | Notizie e discussioni scacchi | Scacchi Mobile | Servizio di consultazione news.