Il gioco degli scacchi
 

Uomo - Donna: differenze in percentuale in alcune specialita' sportive e negli scacchi

ilMusso 24 Feb 2017 11:46
Qualche giorno fa mentre stavo bevendo un caffe’ in un locale ho notato
dimenticati
su una sedia un paio di fogli – anzi, di ritagli di fogli – con delle
statistiche
basate sul confronto tra i record mondiali maschili e quelli femminili di alcune
specialita' di alcuni sport.

Da una sigla posta in basso sui due fogli credo si tratti di due pagine di un
numero
della rivista SportWeek, ma nonostante diversi controlli fatti in rete non sono
riuscito a saperne di piu’.

Le cifre indicate, che ho copiato (*) e riordinato, sono le seguenti:

(* ho verificato che i record indicati sono tutti esatti; non ho verificato la
correttezza delle percentuali)

--- differenza UOMO-DONNA in percentuale ---

SCI
KL (chilometro lanciato) = 3,10%

NUOTO
400 s.l. = 7,45%
100 s.l. = 10,98%

ATLETICA LEGGERA
100 m. = 9,50%
maratona = 10,14%
400 m. = 10,62%
salto in alto = 14,69%
salto in lungo = 15,98%

CICLISMO
record dell’ora = 12,01%

Io aggiungo tre specialita' dell’ATLETICA PESANTE

lancio del giavellotto
differenza U-D = 26,60%
a cui aggiungere il fatto che il giavellotto per le gare femminili pesa il 75%
di
quello per le gare maschili

getto del peso
differenza U-D = 2,12%
a cui aggiungere il fatto che il peso per le gare femminili pesa poco piu’
della
meta’ – precisamente il 55,1% - di quello per le gare maschili

lancio del martello
differenza U-D = 4,33%
a cui aggiungere il fatto che il martello per le gare femminili pesa poco piu’
della
meta’ – precisamente il 55,1% - di quello per le gare maschili

Passando ad una disciplina sportiva come gli scacchi il discorso si complica
forse
un po’ sia perche’ bisogna stabilire quali debbano essere considerati i
“record del
mondo” sia perche’ bisogna decidere i punti da cui partire per parametrare i
due
punteggi (quello maschile e quello femminile).

Per quanto riguarda il primo aspetto, va fatto riferimento alla migliore
performance,
al miglior live rating o a qualcos’altro?

Per quanto riguarda il secondo aspetto, un problema potrebbe nascere, per
esempio,
quando nel prendere il miglior live rating maschile e quello migliore femminile
bisogna decidere da quale base di punteggio elo partire.

Mi spiego meglio.

Se ci limitiamo a mettere a confronto 2.889,2 - miglior LR maschile - con
2.735,0
- miglior LR femminile - abbiamo un dato di 5,34% (differenza percentuale tra i
due punteggi). Ma si tratta di un calcolo fatto su un elo a base 0. Se pero’
operassimo lo stesso calcolo su base, chesso’, 1.400 (elo) allora il risultato
ottenuto di 10,35% e' quasi doppio.
Lord Ste 24 Feb 2017 11:55
Il giorno venerdì 24 febbraio 2017 11:46:32 UTC+1, ilMusso ha scritto:
><cut>
> Io aggiungo tre specialita' dell’ATLETICA PESANTE
>
> lancio del giavellotto
<cut>

no. No. NO!
l'"Atletica leggera" comprende ANCHE i lanci (giavellotto, martello, peso e
disco). https://it.wikipedia.org/wiki/Atletica_leggera
quella definita come "atletica pesante" comprende lotta, pugilato, judo (e penso
anche altre arti marziali) e sollevamento pesi.
https://it.wikipedia.org/wiki/Atletica_pesante
cicap 24 Feb 2017 13:07
On 24/02/17 10:46, ilMusso wrote:
> Passando ad una disciplina sportiva come gli scacchi il discorso si complica
forse
> un po’


Non basta confrontare i mediani?
lucax62 3 Mar 2017 17:15
ilMusso <chessworld@libero.it> ha scritto:

> [cut]

Credo sia abbastanza in topic.
Pare che l'eurodeputato polacco Janusz Korwin-Mikke l'altro ieri in un suo
discorso abbia dichiarato:
“Sapete in che posto si sono piazzate le prime donne o ragazze alle
Olimpiadi di fisica teoretica polacche? Ve lo dico io: all’800°! Sapete
quante donne ci sono tra i primi cento giocatori di scacchi? Nessuna! E’
giusto che le donne guadagnino meno di me, perche' sono piu' deboli, piu'
piccole e meno intelligenti… Quindi devono guadagnare di meno, e' cosi' e
basta.”.
danca (Daniele Campagna) 4 Mar 2017 02:12
Il 03/03/2017 05:15 PM, lucax62 ha scritto:
> ilMusso <chessworld@libero.it> ha scritto:
>
>> [cut]
>
> Credo sia abbastanza in topic.
> Pare che l'eurodeputato polacco Janusz Korwin-Mikke l'altro ieri in un suo
> discorso abbia dichiarato:
> “Sapete in che posto si sono piazzate le prime donne o ragazze alle
> Olimpiadi di fisica teoretica polacche? Ve lo dico io: all’800°! Sapete
> quante donne ci sono tra i primi cento giocatori di scacchi? Nessuna! E’
> giusto che le donne guadagnino meno di me, perche' sono piu' deboli, piu'
> piccole e meno intelligenti… Quindi devono guadagnare di meno, e' cosi' e
> basta.”.
>

Oh ragazzi, vediamo le statistiche su "quante persone dell'altro *******
puoi soddisfare in un giorno", "quanto latte puoi produrre", "quanto ti
giudicano empatico", "quanto riesci a potenziare il tuo partner",
"quanto migliori tramite la tua emotività l'ego dei maschi", "quanto i
tuoi figli si sentono appoggiati e non ingombrati dal tuo ego *******
eccetera.
Ma di che ******* stiamo parlando? Della fisica teoretica? Allora vediamo
anche dei fisici teoretici chi aveva a fianco una donna intelligente che
magari lo stimolasse e lo spronasse. O magari *****izziamo il rapporto
del genio maschile con la madre.
Sono tutte distinzioni del ******* Uomo e donna sono un tutt'uno come
cacao e burro di cacao nel cioccolato, col cacao che si vanta di essere
più marrone.
E fa lo stesso di uno *******

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
M C 4 Mar 2017 11:14
On 04/03/17 01:12, danca (Daniele Campagna) wrote:
[...]
> Sono tutte distinzioni del ******* Uomo e donna sono un tutt'uno come
> cacao e burro di cacao nel cioccolato, col cacao che si vanta di essere
> più marrone.
> E fa lo stesso di uno *******

Questa è bellissima, non l'avevo mai sentita. Applausi.

P.S.: In ambito scacchistico sarebbe interessante vedere statistiche
"unbiased".. nel senso di partite dove i giocatori non sanno il *******
dell'altro, ad esempio online (almeno nella stragrande maggioranza dei
casi è così). E' risaputo ( = ci sono interviste / statistiche ) che
uomini e donne giocano in modo diverso a seconda del ******* dell'avversario.
frengo 4 Mar 2017 11:43
Il 04/03/2017 02:12, danca (Daniele Campagna) ha scritto:
> Il 03/03/2017 05:15 PM, lucax62 ha scritto:
>> ilMusso <chessworld@libero.it> ha scritto:
>>
>>> [cut]
>>
>> Credo sia abbastanza in topic.
>> Pare che l'eurodeputato polacco Janusz Korwin-Mikke l'altro ieri in un
>> suo
>> discorso abbia dichiarato:
>> “Sapete in che posto si sono piazzate le prime donne o ragazze alle
>> Olimpiadi di fisica teoretica polacche? Ve lo dico io: all’800°! Sapete
>> quante donne ci sono tra i primi cento giocatori di scacchi? Nessuna! E’
>> giusto che le donne guadagnino meno di me, perche' sono piu' deboli, piu'
>> piccole e meno intelligenti… Quindi devono guadagnare di meno, e' cosi' e
>> basta.”.
>>
>
> Oh ragazzi, vediamo le statistiche su "quante persone dell'altro ******* >
puoi soddisfare in un giorno", "quanto latte puoi produrre", "quanto ti
> giudicano empatico", "quanto riesci a potenziare il tuo partner",
> "quanto migliori tramite la tua emotività l'ego dei maschi", "quanto i
> tuoi figli si sentono appoggiati e non ingombrati dal tuo ego *******
> eccetera.
> Ma di che ******* stiamo parlando? Della fisica teoretica? Allora vediamo
> anche dei fisici teoretici chi aveva a fianco una donna intelligente che
> magari lo stimolasse e lo spronasse. O magari *****izziamo il rapporto
> del genio maschile con la madre.
> Sono tutte distinzioni del ******* Uomo e donna sono un tutt'uno come
> cacao e burro di cacao nel cioccolato, col cacao che si vanta di essere
> più marrone.
> E fa lo stesso di uno *******
>
> Dan
>
Non voglio entrare nel merito del discorso principale, pero' questo tuo
scritto sembrerebbe alla fine favorire l'idea che le donne non debbano
lavorare, perche' sono piu' produttive badando ai figli e dedicandosi al
partner, e lavorando hanno meno tempo per questo.
Ripeto, non dico che sia la mia idea, ma e' quello che si evince da
quanto dici tu.


frengo
danca (Daniele Campagna) 4 Mar 2017 22:51
Il 03/04/2017 11:43 AM, frengo ha scritto:
> Il 04/03/2017 02:12, danca (Daniele Campagna) ha scritto:
>> Il 03/03/2017 05:15 PM, lucax62 ha scritto:
>>> ilMusso <chessworld@libero.it> ha scritto:
>>>
>>>> [cut]
>>>
>>> Credo sia abbastanza in topic.
>>> Pare che l'eurodeputato polacco Janusz Korwin-Mikke l'altro ieri in un
>>> suo
>>> discorso abbia dichiarato:
>>> “Sapete in che posto si sono piazzate le prime donne o ragazze alle
>>> Olimpiadi di fisica teoretica polacche? Ve lo dico io: all’800°! Sapete
>>> quante donne ci sono tra i primi cento giocatori di scacchi? Nessuna! E’
>>> giusto che le donne guadagnino meno di me, perche' sono piu' deboli,
>>> piu'
>>> piccole e meno intelligenti… Quindi devono guadagnare di meno, e'
>>> cosi' e
>>> basta.”.
>>>
>>
>> Oh ragazzi, vediamo le statistiche su "quante persone dell'altro ******* >>
puoi soddisfare in un giorno", "quanto latte puoi produrre", "quanto ti
>> giudicano empatico", "quanto riesci a potenziare il tuo partner",
>> "quanto migliori tramite la tua emotività l'ego dei maschi", "quanto i
>> tuoi figli si sentono appoggiati e non ingombrati dal tuo ego *******
>> eccetera.
>> Ma di che ******* stiamo parlando? Della fisica teoretica? Allora vediamo
>> anche dei fisici teoretici chi aveva a fianco una donna intelligente che
>> magari lo stimolasse e lo spronasse. O magari *****izziamo il rapporto
>> del genio maschile con la madre.
>> Sono tutte distinzioni del ******* Uomo e donna sono un tutt'uno come
>> cacao e burro di cacao nel cioccolato, col cacao che si vanta di essere
>> più marrone.
>> E fa lo stesso di uno *******
>>
>> Dan
>>
> Non voglio entrare nel merito del discorso principale, pero' questo tuo
> scritto sembrerebbe alla fine favorire l'idea che le donne non debbano
> lavorare, perche' sono piu' produttive badando ai figli e dedicandosi al
> partner, e lavorando hanno meno tempo per questo.
> Ripeto, non dico che sia la mia idea, ma e' quello che si evince da
> quanto dici tu.
>
>
> frengo

Ma no, frengo, niente di simile ho scritto, è una tua interpretazione
"maschiocentrica".
Sto dicendo che il genere umano è di tipo sessuato, i maschi e le
femmine appunto, e volendo possiamo tra i due generi andare a esaminare
le differenze, cioè nell'ambito di una popolazione esistono individui
con differenti caratteristiche.

Possiamo poi fare una statistica, che significa prendere certi parametri
arbitrari e usarli per contare quanti individui di una popolazione
rispondono a un criterio.
Per esempio prendiamo tutti gli individui che in America hanno preso
parte alla guerra in Irak.
Adesso, senza minimamente preoccuparci del perché, e prendendo come
ulteriore criterio chi dispone delle masse muscolari più cospicue,
facciamo un'altra statistica e ne tiriamo fuori un certo numero di
individui.
Adesso facciamo un'altra statistica del tutto arbitraria e
insignificante e contiamo quanti di essi appartengono al genere
femminile e quanti al genere maschile.
Adesso sbandieriamo questi risultati dicendo che tra i veterani di oltre
90 Kg di muscoli ci sono 2 donne su 10000.
Bellissimo, cosa abbiamo dimostrato?
Il nulla cosmico.

A un certo punto i maschi si mettono in gruppo e decidono di esaltare
certe loro peculiari caratteristiche, scegliendole in modo arbitrario e
valutandole in modo altrettanto arbitrario. Poi - sorpresa! sorpresa! -
scoprono che le donne non c'entrano niente.

Allora arriva frengo e dice: ma allora, tutte a casa a far la calzetta!

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
frengo 4 Mar 2017 23:24
Il 04/03/2017 22:51, danca (Daniele Campagna) ha scritto:

> Ma no, frengo, niente di simile ho scritto, è una tua interpretazione
> "maschiocentrica".
> Sto dicendo che il genere umano è di tipo sessuato, i maschi e le
> femmine appunto, e volendo possiamo tra i due generi andare a esaminare
> le differenze, cioè nell'ambito di una popolazione esistono individui
> con differenti caratteristiche.
>
> Possiamo poi fare una statistica, che significa prendere certi parametri
> arbitrari e usarli per contare quanti individui di una popolazione
> rispondono a un criterio.
> Per esempio prendiamo tutti gli individui che in America hanno preso
> parte alla guerra in Irak.
> Adesso, senza minimamente preoccuparci del perché, e prendendo come
> ulteriore criterio chi dispone delle masse muscolari più cospicue,
> facciamo un'altra statistica e ne tiriamo fuori un certo numero di
> individui.
> Adesso facciamo un'altra statistica del tutto arbitraria e
> insignificante e contiamo quanti di essi appartengono al genere
> femminile e quanti al genere maschile.
> Adesso sbandieriamo questi risultati dicendo che tra i veterani di oltre
> 90 Kg di muscoli ci sono 2 donne su 10000.
> Bellissimo, cosa abbiamo dimostrato?
> Il nulla cosmico.
>
> A un certo punto i maschi si mettono in gruppo e decidono di esaltare
> certe loro peculiari caratteristiche, scegliendole in modo arbitrario e
> valutandole in modo altrettanto arbitrario. Poi - sorpresa! sorpresa! -
> scoprono che le donne non c'entrano niente.
>
> Allora arriva frengo e dice: ma allora, tutte a casa a far la calzetta!
>
> Dan
>
Beh, pero' in alcuni lavori le differenze vengono messe in risalto, in
effetti.
Per esempio per fare la commessa, tra einstein e una bonazza, scelgono
la bonazza ...


frengo
danca (Daniele Campagna) 5 Mar 2017 01:03
Il 03/04/2017 11:24 PM, frengo ha scritto:

> Beh, pero' in alcuni lavori le differenze vengono messe in risalto, in
> effetti.
> Per esempio per fare la commessa, tra einstein e una bonazza, scelgono
> la bonazza ...
>
>
> frengo

Completo: il significato di queste statistiche è, in pratica una tautologia.
Possiamo riassumerle così:
In certi gruppi sociali umani, dove vengono utilizzate per certe
particolari specialità determinate caratteristiche, capita che
considerando quelle caratteristiche come discriminanti, proprio gli
individui che ne sono dotati... risultano avere migliori risultati
nell'utilizzazione di tali caratteristiche. Grande scoperta!

I maschi potrebbero apparire in questo particolare contesto o momento
storico più inclini - per motivi culturali, sociali eccetera, al
pensiero logico-razionale, mentre le femmine più inclini al pensiero
intuitivo-emozionale. A questo punto avremo che i maschi totalizzano un
punteggio mediamente più elevato in test volti a misurare le capacità
logico-razionali, e le femmine a loro volta avrebbero punteggi più
elevati nei test intuitivo-emozionali.

Ma gli esseri umani sono animali culturali, in cui la norma biologica
viene ampiamente sovvertita.

Prendiamo una società in cui i maschi venissero mandati in miniera e le
femmine a studiare, e rifacciamo i test.

In sostanza, potrebbe essere che i maschi siano più intelligenti delle
femmine? Certo, se si considera solo un certo particolare aspetto delle
varie caratteristiche umane, magari statisticamente prevalente nei
maschi (sempre in rapporto a un certo ambiente, usi, costumi ecc.), lo
si generalizza chiamandolo "intelligenza", e poi lo si va a misurare. :-)

Dan
--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
Francesco Massei 5 Mar 2017 03:04
On Saturday, March 4, 2017 at 7:02:15 PM UTC-5, danca (Daniele Campagna) wrote:
> <big snip>
>

E poi ci si lamenta del fatto che si dica che il mondo scacchistico è sessista:
anche chi difende le donne fa discorsi da me*****evo :(

Ciao!
danca (Daniele Campagna) 18 Mar 2017 09:34
Il 03/17/2017 10:28 AM, Francesco Di Matteo ha scritto:

>
>> al genere femminile e quanti al genere maschile.
>> Adesso sbandieriamo questi risultati dicendo che tra i veterani di oltre
>> 90 Kg di muscoli ci sono 2 donne su 10000.
>> Bellissimo, cosa abbiamo dimostrato?
>> Il nulla cosmico.
>
> scusami Dan, è il nulla cosmico perchè chiedersi quanti veterani di oltre 90
> Kg siano donne non vuol dire comunque nulla e nessuno se lo chiede.
> Perlomeno, tu conosci qualcuno che si è posto questo tipo di problema?
> La risposta è inutile perchè la ricerca lo è di più...
>
>
>> A un certo punto i maschi si mettono in gruppo e decidono di esaltare
>> certe loro peculiari caratteristiche, scegliendole in modo arbitrario e
>> valutandole in modo altrettanto arbitrario. Poi - sorpresa! sorpresa! -
>> scoprono che le donne non c'entrano niente.
>
> Quali sono le "peculiari caratteristiche, scelte in modo arbitrario" se io
> prendo i primi 100 *esseri umani* (senza distinzione di ******* del mondo col
> rating Elo più alto?
> Non devo prendere i primi 100 ma i primi 10000? Non devo prendere solo gli
> scacchisti ma gli scacchisti sposati e 3 figli?
> Se aggiungi delle caratterstiche, saranno quelle ad essere arbitrarie.
>
>
>> Allora arriva frengo e dice: ma allora, tutte a casa a far la calzetta!
>>
>> Dan
>
> Se allora vuoi dire che gli scacchi siano un terreno poco probante dove è
> facile trarre conclusioni "sessiste", allora dovresti indicare quale terreno
> sia il
> più consono a ottenere un risultato non dico opposto, ma almeno
> soddisfacente per il genere femminile.
> Ma questo non può essere "capacità di spronare il partner" o "quanto ti
> giudicano empatico"... come scrivevi nell'altro post.
> Altrimenti la critica di frengo ha un senso, e l'eccellenza femminile si
> situa solo nei rapporti interpersonali e non, ad esempio, nella matematica o
> nella filosofia, dove vige una forte richiesta di astrazione e direi quasi
> un solipsismo o soggettivismo esasperato ecc...
> L'intelligenza, di per sè, non può essere "empatica" o "emotiva" o altri
> concetti di tipo comportamentale, dove mi pare che tu situi lo strapotere
> femminile.
> Queste caratteristiche possono al massimo caratterizzare l'intelligenza, ma
> non rappresentarla in toto...
>
>
Mah, non mi pare che ci possa essere una singola attività che possa
rappresentare "l'intelligenza" in toto.
Il dibattito su cosa sia esattamente l'intelligenza e come possa essere
definita è una questione ancora non del tutto consolidata. Per esempio
si sono usati i test per misurare il QI. Inizialmente i test misuravano
tre attitudini, ovvero verbale, numerica e spaziale. Poi ci si è accorti
che ripetendo i test le persone ottenevano migliori risultati,
diventavano "test wise", ovvero sapevano più o meno cosa aspettarsi dai
test, che tipo di ragionamenti bisogna fare per superarli, eccetera.

I test verbali poi si è dimostrato che siano ampiamente dipendenti dal
grado di scolarità, infatti erano stati usati in un criticato stu***** per
dimostrare che i bianchi sono mediamente più intelligenti dei neri
(negli USA), paragonando giovani bianchi acculturati con neri delle
classi meno abbienti e sottoponendoli a test verbali. Grazie al c... si
potrebbe dire, no?

Recentemente i tipi di intelligenza sono stati portati a sette,
comprendendo test per misurare l'attitudine psicomotoria, l'intelligenza
"psicologica", quella emozionale, eccetera.

In pratica la misurazione dell'intelligenza è un classico problema di
autoreferenza. Come si fa a misurare qualcosa se lo strumento che si usa
per fare le misurazioni è proprio la cosa che vogliamo misurare? (in
soldoni).

La nostra società è di un certo tipo, ed i valori predominanti, ovvero i
criteri considerati importanti, ne sono parte integrante. Quello che io
sto cercando di dire è semplicemente che se consideri la classifica dei
cento migliori matematici, avrai solo la classifica dei cento migliori
matematici, non delle cento migliori "intelligenze", questa è una
estensione arbitraria del significato del risultato. Idem per gli
scacchi, la fisica eccetera.
Abbiamo un dato che dice che mediamente la popolazione maschile degli
scacchisti ha un punteggio superiore alla popolazione femminile? Non
credo che si possa trarre, a rigore, nemmeno la ovvia conclusione che i
maschi hanno migliori attitudini al gioco degli scacchi, perché ci sono
molto meno donne che giocano a scacchi, in quanto la maggior parte delle
donne non li trova per niente interessanti.

Quello che si misura di solito sono attività prevalentemente maschili,
come appunto attività mentali di un certo tipo. Non vorrei definirle
"logico/razionali" in quanto sarebbe fuorviante, diciamo semplicemente
attività che chiamano in causa specifici meccanismi cerebrali.
Probabilmente si potrebbe dire che per questo tipo di attività i
migliori cervelli di certi maschi appaiono superiori ai migliori
cervelli di certe femmine, ma non possiamo estrapolare molto di più.

In pratica siamo al punto iniziale delle mie obiezioni: i maschi
scelgono una specifica caratteristica del loro psichismo, e dimostrano
che i migliori cervelli maschili in circolazione hanno risultati
migliori delle migliori controparti femminili, in quella specifica area.
A questo punto dichiarano che i maschi sono più "intelligenti" delle
femmine.

Se consideriamo la media, e non solo gli elementi di spicco delle due
popolazioni, ho l'impressione che le donne mediamente siano più concrete
e razionali degli uomini, tranne la loro grande debolezza, l'amore, che
le rende vulnerabili e irrazionali. Gli uomini peraltro mi appaiono
mediamente meno sentimentali ma molto più condizionabili e superficiali.
Quindi oltre ai geni assoluti, bisognerebbe anche misurare la media
della popolazione, e qui magari avremmo delle sorprese...

Comunque non pretendo di aver detto l'ultima parola sulla questione.
Come dicevo, è una questione aperta, ed io forse sono condizionato dalla
mia grande considerazione per le donne... anche se di str.nz. ne ho
conosciute anch'io, eh! :-)

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
ilMusso 18 Mar 2017 10:02
Il 18 marzo 2017 alle ore 9:34 danca (Daniele Campagna) ha scritto:

> CUT


L'uomo e' superiore rispetto alla donna piu' o meno in tutto, non solo in
intelligenza.

Lo e' anche nelle attivita' considerate "da donna", come per esempio quella del
fare da mangiare, del creare indumenti, dell'acconciare i capelli e del fare le
pulizie domestiche.

Cio' non rappresenta un problema; il problema e' invece rappresentato dal fatto
che purtroppo molte donne e molti uomini non lo vogliono ammettere.
danca (Daniele Campagna) 19 Mar 2017 01:04
Il 03/18/2017 10:02 AM, ilMusso ha scritto:
> Il 18 marzo 2017 alle ore 9:34 danca (Daniele Campagna) ha scritto:
>
>> CUT
>
>
> L'uomo e' superiore rispetto alla donna piu' o meno in tutto, non solo in
intelligenza.
>
> Lo e' anche nelle attivita' considerate "da donna", come per esempio quella
del fare da mangiare, del creare indumenti, dell'acconciare i capelli e del fare
le pulizie domestiche.
>
> Cio' non rappresenta un problema; il problema e' invece rappresentato dal
fatto che purtroppo molte donne e molti uomini non lo vogliono ammettere.
>

Le donne risultano avere un migliore isolamento termico degli uomini, e
sono in grado di sopravvivere al freddo meglio degli uomini, grazie a
qualche centimetro di grasso sottocutaneo che loro hanno, e noi no.
Parlo di uomini in condizioni standard, non di ciccioni sovrappeso
naturalmente.
Questo falsifica la tua affermazione (molto superficiale) che gli uomini
"sono superiori" senza chiarire cosa significhi per te essere superiori.
Le donne possono partorire, gli uomini no. Sono superiori o inferiori?
Una donna può accoppiarsi con dieci uomini, alzarsi, farsi una doccia e
continuare normalmente le sue attività. Sfido qualsiasi uomo a fare
altrettanto. E' da considerarsi superiore per questo?
Le donne hanno (mediamente) migliori attitudini sociali degli uomini,
questo le rende superiori o inferiori?
In un ambiente carico di gas tossici o in un ambiente con poco cibo le
donne, che mediamente hanno massa corporea inferiore e ******* consumi
energetici, minore assorbimento di ossigeno e minor bisogno di cibo,
risultano più resistenti degli uomini.
In un ambiente a gravità zero gli uomini diventano impotenti per
questioni meramente idrauliche, le donne non perdono nessuna delle loro
funzioni. Superiori o inferiori?
Le donne sono più attente alla loro salute e più longeve degli uomini
(dato assodato), età media di circa dieci anni superiore. Ancora inferiori?

Uffa
Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
frankdimat@gmail.com 19 Mar 2017 08:51
Continui a scegliere aspetti biologici o comportamentali che nulla centrano col
discorso...
E non hai risposto alla mia domanda...
Hai attaccato gli uomini e i criteri che scelgono per primeggiare...
In quale ambito le donne possono arbitrariamente scegliere un criterio e stilare
una classifica sessista quanto vuoi ma che le veda non dico primeggiare ma
almeno competere alla pari con gli uomini?
danca (Daniele Campagna) 19 Mar 2017 16:45
Il 03/19/2017 08:51 AM, frankdimat@gmail.com ha scritto:
> Continui a scegliere aspetti biologici o comportamentali che nulla centrano
col discorso...
> E non hai risposto alla mia domanda...
> Hai attaccato gli uomini e i criteri che scelgono per primeggiare...
> In quale ambito le donne possono arbitrariamente scegliere un criterio e
stilare una classifica sessista quanto vuoi ma che le veda non dico primeggiare
ma almeno competere alla pari con gli uomini?
>
Ridammi il focus che magari ho perso. Qual è il discorso?
Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
danca (Daniele Campagna) 19 Mar 2017 18:35
Il 03/19/2017 08:51 AM, frankdimat@gmail.com ha scritto:
> Continui a scegliere aspetti biologici o comportamentali che nulla centrano
col discorso...
> E non hai risposto alla mia domanda...
> Hai attaccato gli uomini e i criteri che scelgono per primeggiare...
> In quale ambito le donne possono arbitrariamente scegliere un criterio e
stilare una classifica sessista quanto vuoi ma che le veda non dico primeggiare
ma almeno competere alla pari con gli uomini?
>

Ah dimenticavo un dato (disse calando l'asso) l'80% della popolazione
carceraria è costituita da maschi... che se la spuppano in galera per
qualche loro bella pensata. Intelligentoni tutti eh?

Dan

PS Il restante 20% di femmine risulta quasi sempre coinvolta per via di
qualche maschio a cui sono sentimentalmente legate.
Sembra che siano mediamente più disciplinate, consapevoli, responsabili,
attente.
Ah e non parliamo delle statistiche relative a devianze e crimini *******
Ma noi siamo migliori, già... giochiamo meglio a scacchi e i migliori
matematici sono maschi. Mmmmh...
Dan
--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
ilMusso 4 Lug 2017 07:32
http://gifspace.net/image/aC0o9.gif

(Per Danca e gli altri amici: si scherza eh!)

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Il gioco degli scacchi | Tutti i gruppi | it.hobby.scacchi | Notizie e discussioni scacchi | Scacchi Mobile | Servizio di consultazione news.