Il gioco degli scacchi
 

Scacchisti italiani contro la compravendita di partite!
1 | 2 |

dr.filippo.nicolo@gmail.com 10 Feb 2017 09:49
Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite

http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf
ilMusso 10 Feb 2017 11:08
Il 10 febbraio 2017 alle ore 9:49 dr.filippo.nicolo@gmail.com ha scritto:

> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite
>
>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf


'Agli scacchisti italiani, che come noi amano gli scacchi, chiediamo
di isolare le mele marce...'

E manco un nome e un cognome, un fatto, una minima denuncia di una
qualsiasi circostanza?

Facile e comodo cosi', signori miei, mi dispiace.

Qualora per esempio ci fosse un riferimento al recente discusso torneo
di Montebelluna, lo si dica (in molti, anche tesserati, si sono esposti
in questo senso su piu' siti), visto che in considerazione di alcune
cose e' soprattutto a quello a cui si va giocoforza ora a pensare.

Come appassionato scacchista, io le mie lotte a fin di bene le faccio
da anni facendo nomi e cognomi nero su bianco ed esponendomi in maniera
trasparente, leale, chiara e diretta... e senza mettermi comodamente
in gruppo con altri per darmi forza e tono.
ilMusso 10 Feb 2017 16:20
Mi scuso da subito per il fatto di tornare sull’argomento.

Il fatto e’ che piu’ leggo quella lettera e piu’ rimango sbigottito.

Tra l’altro, io al posto della Federazione non l’avrei messa sul sito. In
ogni caso, non in quel modo.

E’ tutto cosi’ con poco senso, a mio parere, dannazione.

Questi scrivono una lettera, e non fanno nomi. La FSI pubblica la lettera
nella ******* del sito, e non aggiunge mezza riga.

Oe’ siete dieci campioni e la nostra federazione… che razza di modo di
operare e’ questo?

Avevo pensato che il regista potesse essere Yuri Garrett (non ci sarebbe
nulla di male, sia chiaro) ma dopo un po’ ho escluso questa ipotesi per
il semplice motivo che secondo me Garrett orchestrerebbe la cosa in modo
piu' chiaro e magari piu' efficace.

Cerchiamo di riportarci tutti al senso del gioco e a quando da piccoli ci
siamo innamorati degli scacchi, e lasciamo perdere le pretese espresse in
questo modo che fanno pensare al fatto che io campione non voglio che il
mio banchetto da top player possa essere toccato da alcuno (diciamolo, la
lettera fa pensare a questo piu' che alla ricerca di una pulizia etica).

Io campione posso fare tutte le patte "strategiche", anche in otto mosse,
che mi pare a danno dei comuni mortali (che hanno pagato l’iscrizione al
torneo garantendo a me albergo e iscrizione gratuiti) anche alterando una
classifica finale di torneo. Io si'. Guai agli altri invece!
ilMusso 10 Feb 2017 23:02
Commento pubblico di Sabino Brunello, di circa quaranta minuti fa, dalla
sua pagina Facebook:

Ore 22:24 "[...] una cosa alla volta. I nomi e i casi concreti vanno
discussi singolarmente in sede di Giustizia, ma si deve potere parlare
apertamente di queste cose spiacevoli [...]".
frengo 11 Feb 2017 00:21
Il 10/02/2017 11:08, ilMusso ha scritto:
> Il 10 febbraio 2017 alle ore 9:49 dr.filippo.nicolo@gmail.com ha scritto:
>
>> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite
>>
>>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf
>
>
> 'Agli scacchisti italiani, che come noi amano gli scacchi, chiediamo
> di isolare le mele marce...'
>
> E manco un nome e un cognome, un fatto, una minima denuncia di una
> qualsiasi circostanza?
>
> Facile e comodo cosi', signori miei, mi dispiace.
>
> Qualora per esempio ci fosse un riferimento al recente discusso torneo
> di Montebelluna,

Cosa e' successo al torneo di Montebelluna ?

frengo
ilMusso 11 Feb 2017 10:20
Il giorno 11 febbraio 2017 alle ore 00:21 frengo ha scritto:

>> Qualora per esempio ci fosse un riferimento al recente discusso torneo
>> di Montebelluna,

> Cosa e' successo al torneo di Montebelluna ?


Premessa: non e’ matematico che la lettera faccia riferimento al torneo
di Montebelluna, pero’ il pensiero comune va in quella direzione (*)(**).

Dunque, frengo, in Italia se n’e’ parlato piu’ o meno dappertutto.

Oltre agli articoli e commenti sui blog Scacchierando e Soloscacchi mi
ricordo di post e commenti sui profili Facebook di Yuri Garrett e Pier
Luigi Basso (organizzatore del torneo con il Circolo “Beniamino Vergani”
di Montebelluna).

Il titolo dell’articolo sul torneo da parte di Scacchierando e’ stato
“Pioggia di Norme e Titoli a Montebelluna 2017!” (l’iniziale maiuscola
su “norme” e “titoli” e’ messa da loro, non da me).

Se non ricordo male, 14 e’ stato il totale tra norme acquisite e titoli
raggiunti.

Il titolo di un post di Garrett sul suo profilo FB e’ stato “Il maltempo
si abbatte sugli scacchi. Piovono norme.”.

Tra i commenti a quello e ad altri due successivi post di Garrett (uno
che riprendeva un post di Basso sul profilo del medesimo e uno intitolato
“I peggiori nemici degli scacchi iniziano in COM: COMputer e COMbine.
COMbattiamoli!”) sono ancora presenti immagini e commenti non rimossi in
cui a vario titolo si parla di propellenti chimici, “delinquenti” e
“normificio Montebelluna”.


(* e questa e' proprio una delle varie contestazioni che vengono mosse da
piu' parti alla lettera dei campioni)

(** copincollo qui di seguito a titolo d'informazione un post di ieri sera
tuttora presente sul gruppo FB di Saccchierando:
"Sinceramente nella lettera dei giocatori della federazione scacchistica
non la credo sincera, ma una pura manipolazione a favore di una certa
organizzazione di tornei contro un altra."
http://archive.is/g2LFZ)
ilMusso 11 Feb 2017 14:06
Il giorno 11 febbraio 2017 alle ore 10:20 ilMusso ha scritto:

>
> (** copincollo qui di seguito a titolo d'informazione un post di ieri sera
> tuttora presente sul gruppo FB di Saccchierando:
> "Sinceramente nella lettera dei giocatori della federazione scacchistica
> non la credo sincera, ma una pura manipolazione a favore di una certa
> organizzazione di tornei contro un altra."
> http://archive.is/g2LFZ)


Per informazione, il post pubblico su Scacchierando FB risulta ora rimosso.

Come verificabile dal link di cui sopra, e' stato rimosso (dal postatore
o da Scacchierando) dopo il mio post precedente su questo topic qui su IHS.

Avevo salvato la pagina su Archive.is (dove quel post rimane disponibile)
alle ore 9:59 italiane odierne (ore 8:59 UTC del sito Archive) e poco dopo,
alle ore 10:20, avevo pubblicato qui il mio post.

P.S. Per completezza d'informazione, non risultano invece rimossi i post,
le immagini e i commenti di cui ho parlato nei miei precedenti post con
riferimento alla pagina FB di S.Brunello e al profilo FB di Garrett.
ilMusso 12 Feb 2017 20:54
Il giorno 11 febbraio 2017 alle ore 10:20 ilMusso ha scritto:

>
> Tra i commenti a quello e ad altri due successivi post di Garrett (uno
> che riprendeva un post di Basso sul profilo del medesimo e uno intitolato
> “I peggiori nemici degli scacchi iniziano in COM: COMputer e COMbine.
> COMbattiamoli!”) sono ancora presenti immagini e commenti non rimossi in
> cui a vario titolo si parla di propellenti chimici, “delinquenti” e
> “normificio Montebelluna”.
>


Mi e' stato fatto notare che non ho nemmeno accennato a quello che molto
probabilmente e' il commento "peggiore", per cosi' dire, fra tutti quelli
comparsi sui vari siti (e a volte poi rimossi dagli stessi).

E' vero, pero' non l'ho fatto apposta; il fatto e' che, semplicemente, mi
era sfuggito.

Il commento in questione (del tutto pubblico) e' di Cristiano Quaranta ed
e' stato postato alle ore 13:55 di venerdi' stesso tra i commenti al post
con cui l'altro ieri mattina Garrett ha pubblicato la "lettera dei 10".

Questo il testo: "Sono contento di questa iniziativa dall'alto, auspico
collaborazione anche dal basso.".

Inutile fare i finti tonti, per cui possiamo dire senza troppi giri di
parole che quell' "alto" e soprattutto quel "basso" rendono il contenuto
assai "pesante".

Allo stato attuale il commento in questione - non rimosso e visibile - ha
raccolto una risposta e 28 "mi piace" (gulp).

Mah...
ceredamf@gmail.com 13 Feb 2017 09:40
La lettera è ovviamente condivisibile, però qualcosa che non quadra c'è.
Innanzitutto il malcostume denunciato è così generico da chiedersi se davvero
qualcuno può dirsi in grado di scagliare la prima pietra.
La patta perchè "entrambi andiamo a premi" o la partita giocata, diciamo con
scarso impegno, perchè il risultato mi interessa poco e invece all'amico fa la
differenza, sono un rituale molto diffuso.
Se i forti giocatori che hanno firmato pensano di esserne stati sempre immuni mi
complimento davvero con loro e non metto in dubbio la loro buona fede.
Se invece anche loro hanno almeno una volta evitato di mettere nella scacchiera
le loro capacità al 100% allora forse sarebbe stato intellettualmente più
onesto premettere che "Si vuole dare un taglio ad un'abitudine diffusa alla
quale noi, da oggi, abbiamo deciso di fare la guerra".
Forse sarebbe suonato più sincero e comunque siamo tutti d'accordo LA LETTERA
E' CONDIVISIBILE AL 100%.
La seconda cosa che non quadra sono 4 firme mancanti, sarà un caso, ma 4
giovani forti giocatori italiani non sono stati invitati a firmare. Ora, siccome
si tratta di 4 giocatori di specchiata serietà (almeno quanto quella dei
firmatari) il non averli coinvolti può voler dir due cose: la prima una b*****e
dimenticanza che però toglie forza e serietà a questa BELLISSIMA E
CONDIVISIBILE LETTERA, la seconda, alla quale vorrei non pensare è un intento
subdolamente diffamatorio... Ovviamente questa seconda ipotesi la voglia
escludere, quindi, se si tratta di errore, diciamo che è un errore da ??.
La terza cosa che gira male in questa BELLA E CONDIVISIBILE LETTERA è che pare
sia stata ispirata (se non addirittura redatta) da un organizzatore di tornei.
Niente di male naturalmente, però il dubbio che ci sia sotto qualche interesse
di bottega (cerco di screditare i concorrenti) emerge. Ciò che un po'
infastidisce è il fatto che l'ispiratore non firmi, ora perchè non lo fa?
Ovviamente perchè avrebbe subito fatto pensare all' "Interesse di bottega",
sicuramente però quando si mandano accuse così pesanti a colleghi e
concorrenti sarebbe doveroso (se se ne ha la forza) prendersene la
responsabilità.
Infine, una quarta cosa che fa stonare la BELLA E CONDIVISIBILE LETTERA è il
fattoo che, purtroppo, dà fiato ai "poveracci".
I "poveracci" sono quel piccolo ma agguerrito gruppo di detrattori di
professione, calunniatori, diffamatorini, vermetti velenosi, gentaglietta varia
che opprime il mondo degli scacchi.
Gente che vive nel gettare fanghiglia contro gli altri, gode nella polemichina
nel pettegolezzino, nella stupidatina, detta così, tanto per ridere... ma con
evidente intento di diffamare.
Io ne ho un'esperienza diretta, ormai vecchia, ma che non dimentico, ovviamente.
I "poveracci" sono di due tipi: il primo tipo è quell'appassionato di scacchi,
negato, purtroppo non riesce ad ottenere i risultati a cui ritiene di poter
ambire e allora, per soffocare la frustrazione e il rancore sparla degli altri
(ne conosco un po' di fallitucci di questa categoria, facilmente
identificabili). Per queste persone c'è poco da fare, a nulla serve spiegargli
che le calunnie fanno male a chi le riceve, a nulla vale sottolineare che di
o***** non si vive, sono così, casi irrecuperabili.
La seconda categoria di "poveracci" sono quei giocatori, magari di talento, che
però non hanno più voglia di fare i sacrifici necessari per restare ad un
livello accettabile di gioco, con loro una via d'uscita ci potrebbe essere; ad
esempio ricordandogli che con 2 ore di allenamento al giorno (quelle che un
giocatore che voglia stabilmente stare sopra i 2300 deve riuscire a fare)
potrebbero ancora prendersi qualche soddisfazione e, considerando il tempo che
perdono sui social a scrivere fesserie, il tempo dovrebbero averlo.
In sintesi questa BELLA E CONDIVISIBILE LETTERA, per le cose che ho detto
all'inizio, in concreto, è diventata il pane e il salame dei "poveracci", forse
se si facesse uno sforzo per eliminarne gli elementi di ambiguità gli
scacchisti seri ne avrebbero solo vantaggi e i "poveracci" resterebbero soli con
le loro seghe mentali.
ilMusso 13 Feb 2017 20:55
Il 13 febbraio 2017 alle ore 9:40 ceredamf@gmail.com ha scritto:

> CUT


Ciao Loris.

Innanzi tutto ti rivolgo un apprezzamento per le riflessioni espresse
nel tuo post, riflessioni a mio parere bene argomentate e presentate
nei dovuti modi.

Poi vorrei chiederti una cosa, con riferimento ad un preciso passaggio
dell’intervista che ti ho fatto il mese scorso (link relativo topic su
IHS: http://tinyurl.com/zqoqsys).

Qualche giorno fa l’ho riletta e ho colto un particolare che, se ti va,
meriterebbe un chiarimento e magari un approfondimento da parte tua.

Ad un certo punto tu dici “[...] la palese incompetenza dei giudici di
primo grado: non tanto per avere dato credito a tre visionari (colpa
mia che non mi sono difeso) ma quanto per non essersi nemmeno letto il
regolamento che escludeva la possibilita’ di radiazione.”.

Cio’ mi aveva portato a pensare che la tua assoluzione fosse dipesa da
un vizio di forma.

Successivamente, pero’, nello scartabellare vecchie cose mi e’ capitato
di imbattermi nel pdf con le motivazioni della sentenza di assoluzione
da parte dei giudici di appello.

Gli ho dato una letta e mi e’ sembrato che in realta’ la tua assoluzione
sia stata nel merito e non per il motivo di cui sopra.

Potresti chiarire bene la cosa? Quest’ultima mia interpretazione e’
corretta? Tra l’altro, se cosi’ fosse toglieresti dall’equivoco coloro
che come me sono caduti in esso.
lorisino62@gmail.com 13 Feb 2017 21:21
Certo, con grande piacere.
Chiariamo bene: io sono stato assolto perché il tutto era una grande bufala la
Corte di Appello ha dato praticamente dei pagliacci ai miei accusatori. Un'
assoluzione piena e incontrovertibile.
Poi i vari i*****ti (come lo scemo che si firmava in cirillico su Scacchierando)
o anche un certo Edo (omonimo di uno dei tre falsari)'hanno buttato fumo nel
blog di Scacchierando per cercare di confondere le idee: NON BARAVO, NON HO MAI
BARATO! NON BARERÒ. Il resto furono tentativi di mistificare di poveracci. La
sentenza è chiarissima IL CASO NON ESISTE.

Detto questo il mio errore fu di non dar peso alla buffonata, ritenendola (come
ogni persona degna di ragione) una fesseria tale da non doverla nemmeno
smentire.
Ciò porto alla condanna in primo grado... Per i giudici non essendomi difeso
avevo ammesso la colpa... Va beh... C'è stato il secondo grado, giustizia è
stata fatta e i pagliacci sono tornati nel circo (tranne i mistificatori
poveracci di cui sopra).

Quello che però è inaccettabile è il fatto che i giudici di primo grado non
si presero manco la briga di leggere il regolamento che, anche in caso di
colpevolezza, non poteva prevedere la radiazione.

Ora, che ci siano dei pagliacci in giro è accettabile, che nella pagliacciata
si facciano travolgere persone che, almeno il regolamento, dovrebbero
leggerselo, era francamente imbarazzante.
danca (Daniele Campagna) 13 Feb 2017 22:17
Il 02/13/2017 09:21 PM, lorisino62@gmail.com ha scritto:
> Certo, con grande piacere.
> Chiariamo bene: io sono stato assolto perché il tutto era una grande bufala
la Corte di Appello ha dato praticamente dei pagliacci ai miei accusatori. Un'
assoluzione piena e incontrovertibile.
> Poi i vari i*****ti (come lo scemo che si firmava in cirillico su
Scacchierando) o anche un certo Edo (omonimo di uno dei tre falsari)'hanno
buttato fumo nel blog di Scacchierando per cercare di confondere le idee: NON
BARAVO, NON HO MAI BARATO! NON BARERÒ. Il resto furono tentativi di mistificare
di poveracci. La sentenza è chiarissima IL CASO NON ESISTE.
>
> Detto questo il mio errore fu di non dar peso alla buffonata, ritenendola
(come ogni persona degna di ragione) una fesseria tale da non doverla nemmeno
smentire.
> Ciò porto alla condanna in primo grado... Per i giudici non essendomi difeso
avevo ammesso la colpa... Va beh... C'è stato il secondo grado, giustizia è
stata fatta e i pagliacci sono tornati nel circo (tranne i mistificatori
poveracci di cui sopra).
>
> Quello che però è inaccettabile è il fatto che i giudici di primo grado non
si presero manco la briga di leggere il regolamento che, anche in caso di
colpevolezza, non poteva prevedere la radiazione.
>
> Ora, che ci siano dei pagliacci in giro è accettabile, che nella pagliacciata
si facciano travolgere persone che, almeno il regolamento, dovrebbero
leggerselo, era francamente imbarazzante.
>

C'è un bel detto emiliano: Chi SA, FA. Chi SA e non FA, INSEGNA. Chi non
SA e non FA, COMANDA. Aggiungerei: chi non SA, non FA e non COMANDA,
GIUDICA.

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
ilMusso 14 Feb 2017 09:23
Il 10 febbraio 2017 dr.filippo.nicolo@gmail.com ha scritto:

> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni dei migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che e' sempre stato
spinoso, la compravendita delle partite
>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf



Articolo 48 dello STATUTO della FSI - Federazione Scacchistica Italiana

"Vincolo di giustizia

1. I provvedimenti adottati dagli Organi di Giustizia della F.S.I. hanno
piena e definitiva efficacia, nell’ambito dell’ordinamento sportivo, nei
confronti di tutti gli affiliati, gli aderenti, i tesserati e gli altri
soggetti dell’ordinamento federale.

2. Gli affiliati, i tesserati, gli aderenti e gli altri soggetti
dell’ordinamento federale accettano la giustizia sportiva e sono tenuti
ad adire gli Organi di Giustizia nelle materie di cui all’articolo 2
del D.L. 19 agosto 2003 convertito dalla Legge 17 ottobre 2003 n.280. [*]

3. L’inosservanza della presente disposizione comporta l’adozione di
provvedimenti disciplinari sino alla radiazione secondo quanto stabilito
nel Regolamento di Giustizia e Disciplina."


Dal verbale del Consiglio Federale della FSI del 23 marzo 2013
http://www.federscacchi.it/doc/ver/d20130714054608_verbale_23032013.pdf
(utile, sempre che - beninteso - il concetto espresso sotto riportato
non sia stato successivamente modificato)

"Il CF prende atto delle lettere giunte dalla Chess Projects e dalla
CAF.

Il CF ricorda all’organizzatore l’obbligo di rispettare i regolamenti
e le procedure previste dalla FSI.

Il CF ricorda che non e' l’organo preposto all’amministrazione della
Giustizia Sportiva e invita chiunque ritiene di aver subito dei torti
a rivolgersi agli appositi Organi di Giustizia Sportiva.

Per quanto relativo a eventuali controversie che contrappongono la FSI
a soggetti affiliati e tesserati, il CF ricorda che si applica quanto
previsto dallo Statuto FSI all’art.48.

L’inosservanza delle procedure descritte in tale articolo prevede
sanzioni fino alla radiazione.

Il CF approva a maggioranza con un astenuto.

(Delibera n. 44/2013)"


[* Legge 17 Ottobre 2003, n. 280
"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19-8-2003,
n. 220, recante disposizioni urgenti in materia di giustizia sportiva"
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 243 del 18 Ottobre 2003
http://tinyurl.com/jajdhtc ]
ilMusso 14 Feb 2017 17:26
Non sono un esperto, un tecnico del settore, un avvocato o qualcosa del
genere. Sono semplicemente un appassionato di scacchi che scrive su IHS
e che con forza e determinazione cerca di offrire buoni contenuti. Per
questo motivo mi pongo sempre l’obiettivo di andare a fondo delle cose
(per quanto possibile) evitando di fermarmi ad apparenze e dicerie. Il
chiaro obiettivo e’ quello di dare ai miei “colleghi” (gli appassionati
di scacchi) un’informazione piu’ seria e precisa possibile. Produco il
mio impegno a beneficio di tutti, con una predilezione per coloro che
come sono appassionati “puri” e sganciati dai giochi del sistema.


--


CASO CEREDA

Il “Regolamento Giustizia e Disciplina” (RGD) attualmente presente sul
sito della FSI (alla voce “Giustizia e Disciplina” della sottosezione
Regolamenti della sezione Documenti risulta approvato dal Consiglio
Federale il 19-3-2016, approvato dalla Giunta Nazionale del CONI il
27-4-2016 e in vigore dal 6-5-2016.
http://www.federscacchi.it/doc/reg/d20160614050257_rgd_regolamento_giustizia_e_disciplina.pdf
(link breve: http://tinyurl.com/jeek5ye)

Non sono al corrente di quale fosse esattamente il Regolamento Giustizia
e Disciplina precedentemente in vigore. Ho provato a cercare su Google ma
ho trovato diversi vecchi RGD senza date (ne’ date sui documenti ne’ date
sui risultati di Google), e questo non permette di capire i periodi di
validita’ di ciascuno. Ho tra l'altro l’impressione che il numero degli
articoli del Regolamento sia aumentato nel tempo.

In ogni caso, nell’attuale RGD - composto da 12 “titoli” per un totale di
104 articoli – presenta la voce “radiazione” diciassette volte.

Togliendo le due voci presenti nell’indice, le tre voci che riguardano le
sanzioni a carico delle societa’ e le tre che riguardano i provvedimenti
di riabilitazione e di grazia rimangono nove voci. Queste sono tutte
contenute nel Titolo II (denominato “Illeciti e sanzioni disciplinari”),
e precisamente due volte nel Capo II (“Sanzioni disciplinari applicabili
ai tesserati”), tre nel Capo III (“Illeciti disciplinari”) e quattro nel
Capo IV (“Principi generali sull’applicazione delle sanzioni”).

Gli articoli interessati da queste nove voci (tra titoli e testi degli
stessi) sono il 24, il 31, il 33 (al comma 2 e al comma 4), il 38, il 40,
il 41 e il 45.

I passaggi chiave sono pero’ solo i seguenti:

Art. 24 - Sanzioni a carico di dirigenti, ufficiali di gara e altri
tesserati
co. 1. I tesserati della Federazione, qualora si rendano responsabili
degli illeciti previsti dal seguente regolamento o comunque della
violazione di qualsiasi norma federale, regolamentare ovvero di altre
disposizioni vigenti, sono punibili, secondo la gravita’ dei fatti, con
le seguenti sanzioni:
[...]
f) radiazione.

Art. 31 - Radiazione
La radiazione puo’ essere irrogata al tesserato, in caso di recidiva,
per gravi infrazioni all'ordinamento sportivo e ai principi dell'etica
sportiva, nei casi di cui all'art. 40 comma 7.
Inoltre puo’ essere irrogata nei casi di particolare gravita’ di cui
all'art. 33 commi 2 e 4 e per violazione della clausola compromissoria
di cui all'art. 48 dello Statuto.

Art. 33 - Sanzioni per l’illecito sportivo e l’omessa denuncia
co. 2 L'illecito commesso dal tesserato volto ad alterare il risultato
di una gara e’ punito con la sanzione della sospensione da tre mesi a
due anni. Nel caso in cui la condotta sia realizzata mediante il ricorso
all'ausilio di strumenti informatici nel corso dello svolgimento di una
partita (“cheating”) la sospensione e’ inflitta per la durata da uno a
cinque anni. In caso di recidiva e comunque di particolare gravita’ dei
fatti puo’ essere applicata al tesserato la sanzione della radiazione.
co. 4 [lo ometto in quanto non c’entra con la posizione di Cereda]

Art. - 38 Violazione della clausola compromissoria
Nei casi di violazione della clausola compromissoria, di cui all'art. 48
dello Statuto, il tesserato e’ passibile della sanzione dell'inibizione
da due a cinque anni. […] Nei casi piu’ gravi e in caso di recidiva […]
si applica la radiazione.

Inutile aggiungere il comma 7 dell’articolo 40 in quanto nel caso Cereda
non c’era comunque quella che nel diritto si intende per “recidiva”.

E per quanto riguarda il piu’ volte citato articolo 48 dello Statuto,
esso e’ stato da me riportato nella sua completezza nel mio precedente
post su questo topic (e comunque non ha a che vedere con il caso Cereda).

Dunque, *****izzando in dettaglio il tutto, a me sembra che le cose stiano
effettivamente come ha detto Cereda nel suo post di ieri sera.

Non so pero’, come dicevo, se il regolamento vigente all’epoca del suo
processo dicesse qualcosa di diverso da quello attuale (ma direi di no).


CASO LETTERA DEI DIECI

Nel leggere il Regolamento di Giustizia e Disciplina ci si imbatte in
alcuni articoli importanti del Capo III (“Illeciti disciplinari”), di
cui riporto alcuni passaggi.

Art. 32 - Illecito sportivo
co. 1. Rispondono di illecito sportivo tesserati o societa’ affiliate
qualora compiano o consentano che altri a loro nome e nel loro interesse
compiano con qualsiasi mezzo atti diretti ad alterare lo svolgimento di
una gara, ovvero ad assicurare a chicchessia un vantaggio ingiusto. E’
considerato grave forma di illecito sportivo il ricorso da parte del
giocatore, in qualsiasi forma, all'ausilio di strumenti o programmi
informatici mentre sta disputando una partita.
co. 3. Fuori dai casi di concorso nell'illecito, il tesserato che abbia
comunque notizia della commissione di un illecito sportivo, o comunque
del fatto che Societa’ affiliate o persone abbiano posto o stiano per
porre in essere illeciti sportivi, qualunque sia il modo con cui ne sia
venuto a conoscenza, ha il dovere di informarne immediatamente mediante
lettera raccomandata o in ogni caso con ogni altro mezzo idoneo il
Procuratore federale.

Art. 34 - Dichiarazioni lesive
co. 1 Ai tesserati e’ fatto divieto di esprimere pubblicamente giudizi
o rilievi lesivi della reputazione di altri tesserati, di Affiliati o
di persone o organismi che cooperino con la FSI a qualsiasi titolo.
co. 2 La dichiarazione e’ considerata pubblica quando viene resa in
pubblico ovvero quando per i destinatari il mezzo o le modalita’ della
comunicazione e’ destinata ad essere conosciuta o puo’ essere conosciuta
da piu’ persone.
co. 4 L’autore della dichiarazione non e’ punibile se prova la verita’
dei fatti qualora si tratti dell’attribuzione di un fatto determinato.
co. 5 Il tesserato che violi le disposizioni del presente articolo e’
punito con la sanzione della ammonizione o della deplorazione; in caso
di particolare gravita’, anche in relazione alla qualifica soggettiva
dell'agente od al mezzo di comunicazione usato, o in caso di recidiva
puo’ essere applicata la sanzione di sospensione da uno a a sei mesi.

Art. 37 - Rifiuto di convocazione nelle squadre nazionali

[Scopro solo adesso questo articolo, e visto che un paio di settimane
fa avevo posto qui su IHS un quesito in materia (rimasto inevaso)
trattero’ appena possibile l’argomento nel topic specifico (titolo:
“Quesito tecnico per casi di rinuncia alla Nazionale da parte di un
tesserato”; link: http://tinyurl.com/jchw2y4).]


INFINE, NELLO SPECIFICO, IL COMMA 2 DELL’ARTICOLO 32

Testo
“Fermo quanto previsto dall'art. 24 comma 3, non e’ in ogni caso
considerato illecito l'abbandono di una partita o l'accordo sul
risultato di parita’, a meno che non conseguano ad un accordo fra
i giocatori che contempli la dazione di un corrispettivo.”

Precisazione
Riportare il citato comma 3 dell’articolo 24 - che a sua volta cita
altri articoli e regolamenti - diventa un po’ complicato ma comunque
nella sostanza il senso del discorso rimane quello di cui sopra.

Commento
Enno’, non ci siamo! Signori, questa e’ una cosa che va affrontata e
di cui sara’ bene discutere per bene quanto prima. L' "alterazione del
risultato di una gara" - di cui si parla nel primo comma dello stesso
articolo 32 e nell'articolo 33 - deve contemplare anche determinate
maniere di fare patta e il concetto di gara dev'essere esteso anche
alla classifica finale di un qualsiasi torneo (mi sembra che adesso
non lo sia) e non semplicemente alla singola partita. E' sulla base
della classifica finale che vengono assegnati i premi, tra l'altro!
Rivedere con intelligenza e senza tentennare il passaggio sull’accordo
sul risultato di parita’ dovra’ a mio modesto parere rappresentare,
senza sconti, il prossimo step.
somechessdoubs@gmail.com 16 Feb 2017 10:28
UNA DIVERTENTE PARODIA:
Venerdì scorso alcuni degli esponenti politici senza precedenti di un partito X
mandano una lettera da far pubblicare sul sito ufficiale della Camera:



"Il nostro Paese ha urgente bisogno di rinnovarsi sotto il profilo dell'etica
morale... La CORRUZIONE e l'ABUSO D'UFFICIO sono fenomeni tristi che stanno
dilagando nel nostro paese. E' una cosa molto triste poiché così si mina la
meritocrazia, e si minano gli ingranaggi che farebbero funzionare al meglio il
nostro amato Paese. E' necessario che si agisca con determinazione e a più
livelli per isolare tutte le mele marce. Auspichiamo che si generi un dibattito
molto profondo nel nostro popolo per arginare tali fenomeni.
I sindaci,le giunte regionali, i parlamentari devono darsi da far a tutti i
livelli per eliminare la corruzione nei territori che amministrano. I presidenti
dei partiti non dovranno più scegliere politici senza scrupoli che sarebbero
disposti a corrompere per fare carriera. Noi stessi daremo l'esempio,
promuovendo iniziative che ci appaiono assolutamente limpide.
Ovviamente all'interno del nostro partito non esiste la corruzione. Ovviamente
il presidente-finanziatore del nostro partito non aveva idea che stessimo
scrivendo questa lettera e non ci ha incentivato in alcun modo a scriverla.
Ovviamente sempre con questa lettera non vogliamo screditare nessun partito
avversario. Il fatto che la lettera sia uscita oggi è un fatto puramente
casuale, lo scopo non è ottenere un maggiore consenso in vista delle prossime
elezioni. Lo scopo è solo portare maggiore giustizia nel nostro Paese per un
bene superiore."
ilMusso 17 Feb 2017 14:19
Stanotte ho fatto un sogno particolare.

No, non si tratta di me in vacanza tra le palme di un’isola bellissima
in compagnia di una donna incantevole e dolcissima, davanti a un cocktail,
sotto il chiaro di luna, con una musica struggente in sottofondo!

Si tratta purtroppo, piu' b*****mente, di frammenti confusi di un torneo
di scacchi.

Ai lati delle scacchiere c’erano alcuni giocatori con sembianze che non
riesco a mettere a fuoco, e il contesto era quello della Semifinale del
Campionato italiano 2016.

I ricordi del sogno rimangono, come sempre, annebbiati e confusi.

Pero’ dopo essermi svegliato sono andato a fare ricerche su Google al
fine di mettere insieme quello che di quel torneo e' nella mia memoria
con cio' che non sapevo o che avevo dimenticato.

Domenica 17 luglio, siamo al nono e ultimo turno.

La classifica prima della messa in moto degli orologi vede in testa
Godena e Sonis con 6 punti e poi a seguire, con mezzo punto di distacco,
un gruppo formato dai seguenti otto giocatori: Basso; Bellia; Bonafede;
Borgo; Bruno; Lodici; Moroni; Sarno.

Gli accoppiamenti sono:
Sonis – Godena
Lodici – Basso
Borgo – Moroni
Sarno – Bellia
Bonafede - Bruno

Bianco in moto.

...

[CONTINUA (se saro' in grado di ricostruire un po' il tutto)]
ilMusso 21 Feb 2017 07:49
Il giorno venerdì 17 febbraio 2017 14:19:29 UTC+1, ilMusso ha scritto:
> Stanotte ho fatto un sogno particolare.
>
> No, non si tratta di me in vacanza tra le palme di un’isola bellissima
> in compagnia di una donna incantevole e dolcissima, davanti a un cocktail,
> sotto il chiaro di luna, con una musica struggente in sottofondo!
>
> Si tratta purtroppo, piu' b*****mente, di frammenti confusi di un torneo
> di scacchi.
>
> Ai lati delle scacchiere c’erano alcuni giocatori con sembianze che non
> riesco a mettere a fuoco, e il contesto era quello della Semifinale del
> Campionato italiano 2016.
>
> I ricordi del sogno rimangono, come sempre, annebbiati e confusi.
>
> Pero’ dopo essermi svegliato sono andato a fare ricerche su Google al
> fine di mettere insieme quello che di quel torneo e' nella mia memoria
> con cio' che non sapevo o che avevo dimenticato.
>
> Domenica 17 luglio, siamo al nono e ultimo turno.
>
> La classifica prima della messa in moto degli orologi vede in testa
> Godena e Sonis con 6 punti e poi a seguire, con mezzo punto di distacco,
> un gruppo formato dai seguenti otto giocatori: Basso; Bellia; Bonafede;
> Borgo; Bruno; Lodici; Moroni; Sarno.
>
> Gli accoppiamenti sono:
> Sonis – Godena
> Lodici – Basso
> Borgo – Moroni
> Sarno – Bellia
> Bonafede - Bruno
>
> Bianco in moto.
>
> ...
>
> [CONTINUA (se saro' in grado di ricostruire un po' il tutto)]


Forse bisogna partire dalla lettera inviata da Basso alla FSI due anni e
mezzo fa durante il Campionato italiano under 20 del 2014?

Mah, forse no.

In ogni caso, e' interessante notare che anche quella fu una lettera aperta
alla Federazione, con la differenza pero' che l'autore della stessa indico'
circostanze e nomi.
ilMusso 21 Feb 2017 20:48
Il giorno venerdì 17 febbraio 2017 14:19:29 UTC+1, ilMusso ha scritto:
> Stanotte ho fatto un sogno particolare.
>
> No, non si tratta di me in vacanza tra le palme di un’isola bellissima
> in compagnia di una donna incantevole e dolcissima, davanti a un cocktail,
> sotto il chiaro di luna, con una musica struggente in sottofondo!
>
> Si tratta purtroppo, piu' b*****mente, di frammenti confusi di un torneo
> di scacchi.
>
> Ai lati delle scacchiere c’erano alcuni giocatori con sembianze che non
> riesco a mettere a fuoco, e il contesto era quello della Semifinale del
> Campionato italiano 2016.
>
> I ricordi del sogno rimangono, come sempre, annebbiati e confusi.
>
> Pero’ dopo essermi svegliato sono andato a fare ricerche su Google al
> fine di mettere insieme quello che di quel torneo e' nella mia memoria
> con cio' che non sapevo o che avevo dimenticato.
>
> Domenica 17 luglio, siamo al nono e ultimo turno.
>
> La classifica prima della messa in moto degli orologi vede in testa
> Godena e Sonis con 6 punti e poi a seguire, con mezzo punto di distacco,
> un gruppo formato dai seguenti otto giocatori: Basso; Bellia; Bonafede;
> Borgo; Bruno; Lodici; Moroni; Sarno.
>
> Gli accoppiamenti sono:
> Sonis – Godena
> Lodici – Basso
> Borgo – Moroni
> Sarno – Bellia
> Bonafede - Bruno
>
> Bianco in moto.
>
> ...
>
> [CONTINUA (se sarò in grado di ricostruire un po' il tutto)]


[SEGUE]


Niente.

I ricordi del sogno diventano sempre piu' sfocati e confusi. Inoltre, non
mi hanno convinto i contenuti delle segnalazioni firmate o anonime che mi
sono pervenute privatamente via mail. Infine, mi rendo conto di non avere
la bravura della bella e brillante Darby Shaw del "Rapporto Pelican" (*).

(* Dal sito johngrisham.co.uk di John Grisham: http://archive.is/OSNdz)
ilMusso 1 Mar 2017 11:23
La settimana scorsa nella sezione “Notizie” del sito Federscacchi.it della
FSI e’ stata pubblicata una notizia (come sempre non linkabile) intitolata
“21-2-2017 Assemblea Regionale Veneto”.

Con essa si rende noto che nell’Assemblea del Comitato Regionale Veneto
Scacchi del 18 febbraio u.s. e’ stato approvato un o.d.g. riguardante la
lettera dei dieci.

Nella foto unita alla notizia ci sono (al “tavolo della presidenza
dell’Assemblea”) l’AI e Fiduciario Arbitri del Veneto Renzo Renier, il
Presidente dell’Assemblea Maurizio Tencheni, il Segretario Roberto Scandiuzzi
ed il Presidente del CRVS Tino Testolina (*).

( * composizione CRVS, dal sito VenetoScacchi.it del Comitato:
Tino TESTOLINA - Presidente
Giacomo SCARSELLA - Vice Presidente
Paolo RANZATO - Tesoriere
Massimo APRILE - Membro
Veronika GOI - Membro
Giovanni MUNARETTO - Membro
Giampaolo NAVARRO - Membro
Nicola PEGORARO - Membro
Maurizio TENCHENI - Membro
http://archive.is/d5JzE )

Questo e’ il documento dell’Assemblea del CRVS uscito dalla riunione in
argomento: http://archive.is/BhlfX.

Nel breve testo del documento troviamo scritto “ritenuto di appoggiare e
sostenere apertamente l’iniziativa auspicando che su di essa converga
l’attenzione degli organismi della FSI”, “invita gli organi federali ad
adottare tutte le misure utili e necessarie per contrastare questi comportamenti
inaccettabili e antisportivi” e “colpendo i responsabili escludendoli da
qualsiasi competizione scacchistica in cui venga rappresentata l’Italia”.

Esaminiamo un po’ i passaggi in questione.

Passaggio “ritenuto di appoggiare e sostenere apertamente l’iniziativa
auspicando che su di essa converga l’attenzione degli organismi della FSI”:
si appoggia una lettera aperta che - come fatto notare in ogni dove dagli
scacchisti italiani intervenuti in rete - non indica alcun nome e alcuna
situazione (al contrario di quello che normalmente avviene nelle lettere aperte
sia in Italia sia al'estero).

Passaggio “invita gli organi federali ad adottare tutte le misure utili e
necessarie per contrastare questi comportamenti inaccettabili e antisportivi”:
accento ancora posto sull'intenzione di allertare la FSI, responsabilizzandola
dunque piu’ del dovuto; la Federazione ha gia’, a monte, dato regole e
indicazioni precise alle varie strutture e unita’ periferiche; la domanda
giusta da porsi e’: tutti gli altri organi e figure - arbitri, organizzatori,
atleti, genitori, ecc. - quando hanno visto tali fatti “inaccettabili” e
“antisportivi” hanno denunciato gli stessi (come imposto ai tesserati dai
regolamenti federali)?

Passaggio “colpendo i responsabili escludendoli da qualsiasi competizione
scacchistica in cui venga rappresentata l’Italia”: bah, mi dispiace ma trovo
sbagliato anche questo passaggio conclusivo; nel caso di malefatte va colpito
chiunque ha sgarrato, si tratti o meno di un atleta che gioca in nazionale; le
norme esistono gia’ ed e’ mio modesto parere inutile (per non dire altro)
tutto questo scaricare sulla FSI colpe che in questo caso hanno altri.
ilMusso 10 Mar 2017 14:57
Premetto che sto scrivendo questo post un po' di corsa e senza avere fatto le
opportune verifiche (lo si prenda, quindi, con beneficio d'inventario).

Mi sono venuti in mente alcuni casi di lettere aperte, tutte contenenti nomi e
indicazioni (così come quella di Basso già menzionata in questo topic).

Una quindicina di anni fa ci fu la lettera aperta alla FSI di Sergio Mariotti;
qualche anno fa ci furono le lettere aperte di Christian De Vivo, di Matteo
Zoldan per Chess Projects ASD e della CAF su questioni - se non ricordo male –
relative alle designazioni arbitrali (per quanto riguarda la CAF forse si
trattava di un comunicato); recentemente (qualche mese fa) c’è stata una
lettera aperta alla FSI da parte di un genitore, pubblicata sul sito di un
circolo scacchistico milanese, relativa - se non ricordo male -
all’organizzazione di alcuni tornei giovanili.
ilMusso 20 Mar 2017 11:14
Ieri pomeriggio sono andato a dare un’occhiata veloce all’ultimo turno del
torneo internazionale di Treviso (classifica finale dal sito vesus.org:
http://tinyurl.com/kcq7qaa) e alla fine sono rimasto tutto il pomeriggio a
chiacchierare con qualche vecchio amico scacchista.

Ho scambiato anche qualche considerazione sulla questione della compravendita
delle partite con Valerio Luciani, il quale mi ha fornito un paio di indicazioni
a mio parere molto utili e mi ha dato il placet a diffonderle qui su IHS.

Una e’ che gli arbitri per procedere a termini di regolamento hanno - non a
torto - bisogno di precise segnalazioni e concrete ed efficaci prove. In
funzione di cio’, l’unica soluzione valida sembra essere quella che chi
segnala un imbroglio abbia una registrazione che inchiodi le persone segnalate.
Quindi, senza tirarla tanto lunga, sarebbe il caso di studiarci un po’ sopra
per cominciare a muoversi in questa direzione (la cosa appare forse piu’
complicata di quanto sia).

L’altra indicazione e’ una soluzione (tanto semplice quanto efficace) per
contrastare i consueti “movimenti” del turno conclusivo dei tornei. Luciani
mi ha raccontato che a suo tempo l’arbitro Possanzini attuava - soprattutto
nei tornei lampo e semilampo - un semplice metodo: quando si arrivava al turno
finale egli pubblicava una classifica che presentava i punti dei concorrenti
senza il calcolo dei punteggi relativi allo spareggio tecnico. E la cosa
funzionava!

A proposito di questa seconda indicazione, Luciani ha confessato che a suo tempo
nel parlare con Possanzini non aveva dato molta importanza alla cosa in quanto
non aveva compreso appieno quanto fosse diffuso il fenomeno della compravendita;
poi nel tempo si e' reso conto che il fenomeno in argomento aveva assunto
dimensioni notevoli e preoccupanti e ha riconosciuto la ragione a Possanzini sia
per quanto riguarda l’iniziativa tesa ad arginarlo sia per quanto riguarda il
metodo praticato; ha aggiunto che inspiegabilmente tale soluzione non e’ mai
stata presa in considerazione dagli organi centrali nazionali (Valerio ha anche
fatto parte del Consiglio Federale della FSI) pur essendo nota agli stessi.
ilMusso 22 Mar 2017 10:04
[Rif.: mio post di ieri «Borislav Ivanov arrestato» (all’interno del topic
di IHS «Flash scacchistici dal mondo») - http://tinyurl.com/mq99oz3]

Ho fatto un piccolo giro sui siti web bulgari e dalle poche notizie trovate
sulla vicenda mi e’ parso di capire che all’arresto di Ivanov si sia
arrivati sulla base di alcuni servizi mandati in onda negli ultimi tempi dal
programma televisivo “Gospodari na efira”, che e’ l’equivalente del
nostro “Striscia la notizia” (da it.Wikipedia.org:
http://tinyurl.com/lg3j4d3).

Ecco il video pubblicato giovedi’ 16 marzo u.s. su Gospodari.com:
http://tinyurl.com/mbtjngn.

Sul suddetto sito – cosi’ come sul relativo c*****e Youtube
“Господари на ефира I Gospodarite” – sono presenti anche
altri video (precedenti) ma quello che ho linkato e’ al momento il piu’
completo (sul citato c*****e Youtube e’ stato pubblicato il 19 marzo u.s.:
http://youtu.be/Ox55QBRU2Ko).

In esso si possono vedere immagini “scacchistiche” di repertorio di Ivanov e
immagini recenti con il medesimo inseguito in auto (in stile "Fast & Furious",
come recita il titolo del video) dall’inviato del programma.

In generale, mi sono fatto l’idea (anche attraverso alcune altre brevi notizie
trovate) che la truffa sia stata gestita molto male.

Tra l’altro, mi sono chiesto se per le forze dell’ordine ci fosse bisogno
dei servizi televisivi di cui sopra per mettere le mani sui responsabili.

Comunque, visto che cosi’ funziona, vedremo se a qualcuno verra’ in mente di
segnalare a quelli di “Striscia la notizia” il fenomeno della compravendita
delle partite di scacchi.
ilMusso 31 Mar 2017 20:28
La Federazione scacchistica russa ha un piglio diverso!

Sentite questa.

Sul sito web della suddetta federazione oggi e’ stato pubblicato un lungo e
dettagliato articolo avente per titolo “Giacca, telefono e toilette”:
http://www.ruchess.ru/news/report/kurtka_telefon_i_tualet/

Nella parte introduttiva troviamo scritto: “Dopo la fine della gara all'editor
del sito della RCF ******* Chess Federation] sono arrivate le lettere aperte di
11 partecipanti e il commento dell’arbitro.”.

Nel pezzo vengono riportati i sospetti - con tanto di cronaca dei turni,
circostanze ed *****isi delle partite - di 11 dei 12 partecipanti alla Finale
del 90° Campionato maschile di San Pietroburgo, disputata dal 18 al 28 marzo
2017, nei confronti di uno dei partecipanti al torneo.

Agli undici giocatori si e’ unito con un commento (di quasi trenta righe)
l’arbitro della gara, il quale ha tra le altre cose dichiarato che inviera’
le partite del sospettato alla Commissione Anti-Cheating della FIDE.

Il sospettato in questione e’ Dmitry Fraiman (anno di nascita: 1997; elo
aggiornato ad aprile 2017: 2.323).

Questo il tabellino di Fraiman, dal sito della FIDE:
http://ratings.fide.com ******* phtml?event=34100641

Nella parte conclusiva dell’articolo viene specificato che e’ stata offerta
la possibilita’ di replica a Fraiman ma questi non ha ancora risposto.

E’ evidente che si tratta di accuse chiare, messe nero su bianco.

Che modi!

--

[Annuncio del Campionato (in ******* russa) dal sito http://totalchess.org della
Federazione scacchistica di San Pietroburgo, organizzatrice dell’evento:
http://archive.is/P2uJJ]

[Pagina del torneo sul sito Chess-Results.com: http://tinyurl.com/m9oehh8]
ilMusso 13 Apr 2017 10:12
Dopo la lettera aperta ci saranno le denunce penali: cosi’ era stato detto
(scritto) e ribadito.

Post del 10 febbraio 2017 pubblicato da Sabino Brunello sulla sua pagina
Facebook: http://archive.is/5ZbZv (vedasi suo commento pubblicato "10 February
at 21:24").

Post del 16 febbraio 2017 pubblicato da Sabino Brunello sul suo FB:
http://archive.is/VMqCY.

Yuri Garrett in un suo post pubblicato il 16 febbraio 2017 sul suo profilo FB
aveva parlato (scritto) di carabinieri che bussano alla porta:
http://archive.is/tCDRJ.

A distanza di due mesi, com’e’ la situazione?
ilMusso 19 Mag 2017 10:18
In questo topic ho messo in discussione il comma 2 dell’articolo 32 del
Regolamento di Giustizia e Disciplina, che e’ quello con cui e’ stato
stabilito che in ogni caso non e’ considerato illecito l'accordo dei due
giocatori sul risultato di parita’.

Ieri, dopo la patta in 20 mosse nella partita Radjabov-Mamedyarov nel sesto
turno (il giorno prima c'era stato il free day) del torneo GP in corso di
svolgimento a ******* il giornalista norvegese Tarjei Svensen ha postato un
tweet con un prospetto in cui sono riassunti i risultati dei diciotto precedenti
******* tra i due giocatori azeri negli ultimi cinque anni:
http://archive.is/vtQhT.

Tutte patte.

Ho dato un’occhiata alle statistiche presenti sul sito della FIDE e su
Chessgames e l’unica non-patta a tempo standard tra i due si e’ avuta nel
2010: 22 maggio, torneo GP di Astrakhan, Radjabov-Mamedyarov 1-0.

Guarda caso, il torneo in questione era l’ultimo dei sei del ciclo Grand Prix
di quel periodo. Guarda caso, si trattava di uno dei turni conclusivi (il
terzultimo). Guarda caso, Radjabov si qualifico’ per il Torneo dei Candidati
arrivando secondo (su 21) nella classifica finale del ciclo e Mamedyarov si
qualifico’ a sua volta su nomina dell’organizzatore
(http://archive.is/wfb9t, secondo paragrafo del punto 1).
ilMusso 6 Lug 2017 07:05
Sono passati cinque mesi e un giorno (*) da quando la lettera e' stata ricevuta
dalla FSI.

(* data della lettera: sconosciuta; data di arrivo in federazione: 5 febbraio;
data di pubblicazione sul sito federale: 10 febbraio)
ilMusso 6 Ago 2017 11:14
Se vera, si tratta di una notizia di rilievo.

Copincollo un commento pubblico da poco postato dall'utente Ambrigh
sull'articolo "Pioggia di Norme e Titoli a Montebelluna 2017!" del blog
Scacchierando:
«Ambrigh
6 agosto 2017 - 10:18
Purtroppo per l’organizzatore, oltre alle norme sono piovute anche delle
richieste di deferimento da parte della Procura Federale…
Per il momento gli interessati sembrerebbero solo cinque, 2 GM (1 italiano 1
straniero) e 3 IM (2 italiani)…
Ora nel merito dovrà pronunciarsi il Tribunale Federale, avendo Procura ha
depositato le relative richieste dopo aver ascoltato le varie memorie difensive
degli interessati.»

La comunita' scacchistica italiana di certo si augura che le cose vengano fatte
per bene da chi di dovere.
arturo.didonna@gmail.com 21 Ago 2017 11:03
On Friday, February 10, 2017 at 9:49:37 AM UTC+1, Filippo wrote:
> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite
>
>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf

Dopo 6 mesi non si hanno ancora notizie? Sopratutto non si ancora chi e'
indagato e per che cosa? Perdipiu' dopo una lettera estremamente vaga ed
allusiva? Direi che non ci siamo proprio.
Wana Naga 21 Ago 2017 17:07
Il giorno lunedì 21 agosto 2017 11:03:12 UTC+2, arturo....@gmail.com ha
scritto:
> On Friday, February 10, 2017 at 9:49:37 AM UTC+1, Filippo wrote:
>> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite
>>
>>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf
>
> Dopo 6 mesi non si hanno ancora notizie? Sopratutto non si ancora chi e'
indagato e per che cosa? Perdipiu' dopo una lettera estremamente vaga ed
allusiva? Direi che non ci siamo proprio.

speriamo che non si risolva tutto in una bolla di sapone.. e comunque anche se
le denunce avviate in parallelo alla lettera aperta (che anch'io trovo vaga,
troppo vaga) dovessero dopo le indagini essere archiviate dai giudici federali
gradiremmo essere informati, come lo siamo stati all'inizio di questa storia
Santiago 22 Ago 2017 16:57
"...Per il momento gli interessati sembrerebbero solo cinque, 2 GM (1 italiano 1
straniero) e 3 IM (2 italiani)"

ciao, ma quando si sapranno i nomi?
S.
arturo.didonna@gmail.com 22 Ago 2017 18:20
On Friday, February 10, 2017 at 9:49:37 AM UTC+1, Filippo wrote:
> Una lodevole iniziativa sottoscritta da alcuni tra i migliori scacchisti
italiani: una lettera aperta alla FSI su un problema che è sempre stato
spinoso, la compravendita di partite
>
>
http://www.federscacchi.it/doc/notcom/d20170210030642_lettera_aperta_atleti.pdf

Sono passati 6 mesi da quella sciagurata lettera e ancora non si sa niente
Intanto le allusioni su questo o quel giocatore continuano senza che questi
neanche si possano difendere. Insomma un bel *******

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Il gioco degli scacchi | Tutti i gruppi | it.hobby.scacchi | Notizie e discussioni scacchi | Scacchi Mobile | Servizio di consultazione news.